Acque e Salute: L'importanza del bere acqua in quantità e modalità adeguata.


Dottor Angioni Giuseppe cura Medicina Integrata Osteopatica

Perchè bere acqua è così importante.

Mantenere idratato il corpo ha un impatto enorme sulla salute generale. Nonostante l'importanza fondamentale dell'acqua, un numero significativo di persone non consuma la quantità raccomandati di liquidi ogni giorno.

Circa il 70% del corpo è costituito da acqua, il 90% della parte liquida del nostro sangue è costituito da acqua, e circa il 71% della superficie del pianeta è coperto da acqua, ma nonostante ciò, bere abbastanza ogni giorno non è al vertice delle liste di priorità di molte persone. La stessa cartilagine articolare è composta da circa 75% di acqua, quindi si può capire che una carente assunzione giornaliera di acqua determinerebbe una serie di problemi a cascata e patologie che interessano tutto il corpo (es. artrosi, ritardo guarigione ferite, invecchiamneto precoce). Basti pensare che il corpo umano, riesce a vivere in condizioni ambientali discrete, circa 20 giorni senza mangiare, ma solo circa 7 giorni senza bere. Quindi la disidratazione è il nemico numero uno della nostra salute salute.


Perchè abbiamo necessità primaria di bere acqua?

Per funzionare correttamente, tutte le cellule e gli organi del corpo hanno bisogno di acqua. Non è possibile fare un elenco delle innumerevoli funzioni che l'aqua permette al nostro corpo, ma si può affermare che ci permette di vivere, ed una sua carenza porterebbe la morte.

Viene inoltre utilizzata per lubrificare le articolazioni, proteggere il midollo spinale e altri tessuti sensibili, regolare la temperatura corporea e contribuire al passaggio del cibo attraverso gli intestini.

Anche se la quantità d'acqua richiesta dal corpo è ottenuta attraverso alimenti con un elevato contenuto di acqua (es. zuppe, verdure, frautta, ecc..) la maggioranza viene ottenuta attraverso l'acqua potabile e altre bevande.

Durante le 24 ore, l'acqua viene persa dal corpo e questo deve essere sostituita. È evidente che perdiamo l'acqua attraverso attività, come la sudorazione, la minzione, persino anche quando respiriamo.

L'acqua potabile, sia dal rubinetto che da una bottiglia, è la migliore fonte di fluido per il corpo. Bevande come latte e succhi di frutta sono anche fonti di liquidi, ma le bevande contenenti alcool e caffeina (bevande analcoliche), caffè e birra non sono ideali perché spesso contengono calorie.

In precedenza si era stato pensato che le bevande caffeiniche avevano proprietà diuretiche, il che significa che provocano il rilascio dell'acqua. Tuttavia, gli studi dimostrano che la perdita di liquidi a causa di bevande caffeinate è minima.


Effetti sul corpo.

Bere molta acqua è uno dei modi più semplici per ridurre il rischio di sviluppare una UTI (infezione tratto urinario) ed è anche consigliato a coloro che hanno già sofferto di tale patologia.

La causa principale dei calcoli renali è la mancanza di acqua; sono comunemente segnalati nelle persone che non bevono adeguata quantità giornaliera di acqua. Oltre a complicare le UTI, la ricerca scientifica ha suggerito che i calcoli renali aumentano anche il rischio di malattie renali croniche.

La disidratazione del corpo, può anche portare ad uno squilibrio negli elettroliti del corporei. Gli elettroliti, come il potassio, il fosfato e il sodio, aiutano a trasportare segnali elettrici tra le cellule. I livelli di elettroliti nel corpo sono mantenuti stabili dai reni funzionanti correttamente.

La parte fluida del sangue è formata dal 90% d'acqua, quindi, se disidratati, il sangue può diventare più denso e viscoso, aumentando la pressione sanguigna. In caso di disidratazione, potenzialmente peggiorando l'asma e le allergie, in quanto le funzionalità respiratori sono limitate al fine di ridurre l'evaporazione durante la respirazione. La pelle diventa più vulnerabile agli insulti chimici e meccanici, favorisce l'invecchiamento precoce. L'intestino ha bisogno dell'acqua per funzionare correttamente; se disidratati, i problemi digestivi e la stitichezza possono diventare un problema. La disidratazione può portare disturgi digestivi (es. dispepsia, reflusso, ecc..), quindi lo sviluppo di ulcere gastriche. Il cartilagine, presente nelle articolazioni e nei dischi della spina dorsale, contiene circa l'80 % d'acqua. Se la disidratazione permane nel tempo, le articolazioni non funzionano correttamente, dando dolore e rigidità, artrosi ed artriti ricorrenti. La disidratazione può influenzare la struttura e la funzione del cervello. Se la disidratazione è prolungata, la capacità cognitiva sarà compromessa in maniera irreparabile.


Ma quanto devo bere ogni giorno?

La quantità raccomandata di acqua da bere al giorno varia da persona a persona, a seconda di vari fattori occupazionali, ambiantali, quali se una persona è particolarmente attiva oppure sedentaria. Non esiste una quantità di acqua universalmente accettata che deve essere consumata ogni giorno, ma c'è un livello generale di consenso sulla quale bisogna attenersi per stare in buona salute. Secondo l'Istituto di Medicina (IOM), un adeguato assorbimento per gli uomini è di circa 3 litri al giorno. Per le donne, un adeguato assorbimento è di circa 2,5 litri al giorno.

Molte persone avranno sentito la frase "bere otto bicchieri d'acqua di 8 once al giorno", che funziona a circa 1,9 litri ed è vicino alla raccomandazione di IOM per le donne. Bere "8 da 8" è un importo facile da ricordare che può mettere le persone sulla buona strada per quanto riguarda il consumo di acqua. Ricorda che tutti i liquidi non alcolici contengono questa raccomandazione.

L'acqua aiuta anche a dissolvere i minerali e le sostanze nutritive in modo che siano più accessibili al corpo, oltre ad aiutare i rifiuti di trasporto fuori dal corpo. Sono queste due funzioni che rendono l'acqua così vitale ai reni.

Dottor Angioni ricorderà sempre, in ogni visita che bere un'adeguata quantità giornaliera assocciata ad una corretta alimentazione ed attività sportiva, sono la modalità con cui il corpo può ripararsi, rigernerarsi e mantenere lo stato di salute ottimale. Inoltre è strettamente necessario rispettare una corretta idratazione soprattutto dopo ogni trattamento eseguito, in quanto permetterebbe ai tessuti trattati una maggiore responsività alla guarigione. Fondamentale anche avere una ottima idratazione in trattamento, perchè permette al tessuto di plasmarsi modificando l'attività fluidica dello stesso. La regola base è quella di non aspettare a sentire il bisogno del bere, perchè il corpo è già in deficit idrico; perciò bere una quantità modica di acqua (un bicchiere) alla volta, più volte durante tutto l'arco della giornata, in maniera da raggiungere almeno 2 litri al giorno. Quindi per contro, un corpo senza una adeguata idratazione, non ha la capacità di rispondere al trattamento, quindi di autocurarsi.

Bere acqua è di vitale importanza ed il corpo non può farne a meno.

58 visualizzazioni6 commenti

Dottor Angioni Giuseppe

Via Pontida, 47 - Cagliari

3701302646

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon